Sposini non è più in pericolo di vita

Per Lamberto Sposini "non si parla piu' di pericolo di vita ma di tempi e qualita' del recupero. Siamo in una fase di attesa, di cauto ottimismo. A quanto si e' saputo ha reagito positivamente ad alcuni stimoli. Ora pero' e' in coma farmacologico e ci restera' ancora qualche giorno. Poi sara' gradualmente riportato alla coscienza, speriamo che il decorso sia totalmente positivo". Lo ha detto Michele Cucuzza
che da stamattina e' al policlinico Gemelli accanto all'amico Lamberto Sposini.
"I medici mantengono il massimo riserbo - ha aggiunto Cucuzza - queste sono le cose che abbiamo saputo tra colleghi e amici". I familiari di Sposini al momento non sono in ospedale, come gli hanno consigliato i medici, e torneranno nel primo
pomeriggio.

La Venier: non sapevo nulla
"Sono andata in onda senza sapere che Lamberto Stava così male. Mi hanno spiegato che aveva avuto una congestione, mi è stato detto che la situazione era sotto controllo, che si era stabilizzata". Lo afferma in un'intervista a Repubblica, Mara Venier, conduttrice della Vita in Diretta insieme al giornalista Lamberto Sposini.
"Non voglio che gli spettatori pensino che sono andata in onda conoscendo le condizioni di Lamberto, perché io non sarei mai andata in onda, non avrei mai potuto", sottolinea Venier.

"La televisione è importante, la diretta, tutto il resto, ma la vita è un'altra cosa. E' sacra. In casi come questo bisogna fermarsi".

Venier racconta cosa è successo nello studio. "Mi sono spaventata, ero sconvolta. Mancavano cinque minuti alla messa in onda, stavamo scherzando, eravamo abbracciati quando è caduto: in un attimo era a terra, privo di sensi. L'ho chiamato, ho cominciato a gridare come una pazza".

Sposini non è più in pericolo di vita