Pillola magica per scrittori in crisi

E' tra gli attori emergenti in America, il pubblico tv lo conosce per Alias e al cinema per Una notte da leoni, People lo ha inserito tra gli uomini più sexy e ora Bradley Cooper, 36 anni, di Philadelphia, è protagonista di Limitless, un thriller con Robert De Niro, reduce da un buon successo al box office americano e in sala in Italia, in 250 copie, dal 15 aprile.

L'attore è a Roma per presentarlo. Cooper è uno scrittore trasandato cui non riesce di scrivere una riga del romanzo per cui ha avuto un contratto e tutto precipita quando si avvicina la data della consegna del libro all'editore e la sua ragazza (Abbie Cornish) lo lascia.

Ma l'incontro con una pillola magica, una droga sintetica che fa diventare geniali, invincibili gli cambierà la vita pericolosamente: scrive il libro in 4 giorni, si dà alla borsa con profitti enormi, moltiplica il prestito avuto da un delinquente, frequenta ambienti mai potuti incrociare prima, diventa il pupillo di un magnate della finanza (De Niro). Ma le pillole stanno per finire...

In un futuro prossimo una pillolina risolverà tutti i problemi? "Non so se quella droga esiste o potrà esistere, ma ogni cosa ci può cambiare la vita, anche il cibo che mandiamo giù", risponde Cooper. Quanto c'è di attuale in questo volere a tutti i costi essere brillanti?

"Essere motivati è sempre positivo, certo il problema è arrivarci con le pillole ad essere geniali. Ma sono sincero, ho la sensazione che la società sia in una specie di letargo, quasi addormentata, una scossa non farebbe male".

Nel film 'duella' con De Niro, prima per entrare nelle sue grazie e scalare l'alta finanza, poi per starne fuori quando lui intraprende la carriera politica per diventare senatore.

"E' stato un incontro senza competizione, non avevo timore e mi sono sentito a mio agio. De Niro è cosi' sicuro di se stesso, del suo talento che tutti quelli intorno a lui si sentono tranquilli. E poi io, lui e gli altri pensavamo a fare bene, tutti desiderosi di fare un bel film".

Diretto da Neil Burger, scritto da Leslie Dixon e tratto dal romanzo The Dark Fields di Alan Glynn, Limitless mescola commedia, suspence, provocazioni (i mondi di Bradley sono senza fine, dentro ci scappa un omicidio, mani mozzate, mattanze varie e si sfiora il Senato, forse un po' troppo per chi comincia da aspirante scrittore fallito) sulle smart drug e questa 'favolosa' Nzt per la cui astinenza ovviamente si muore.

Di Bradley Cooper si è parlato anche nella cronaca rosa: la storia con Renee Zellweger sarebbe finita da pochissimo. "Non mi disturba essere un protagonista di gossip, ma non ne parlo", conclude svelto Cooper.