La giustizia ferma la biblioteca digitale di Google

Stava per inaugurare la più grande biblioteca digitale del mondo ma un giudice ha detto no. E' un boccone amaro quello che google si trova adesso ad inghiottire. L'accordo firmato nel 2005 con i maggiori editori statunitensi permetteva al colosso di mountain View di rendere fruibili sulla sua libreria digitale migliaia di titoli. Ma lo stop è arrivato dalla giustizia americana che ha bocciato l'accordo da 125 milioni di dollari . Un accordo che avrebbe permesso a google di guadagnare coordinando la più grande libreria digitale del mondo. Il giudice Denny Chin ha spiegato che la libreria sarebbe un bene per molti, ma al tempo stesso "andrebbe troppo lontano". Secondo Chin, l'accordo avrebbe "concesso al motore di ricerca diritti significativi di utilizzo di interi libri senza il permesso di chi ne detiene i diritti d'autore" e di fatto avrebbe dato a Google un "significativo vantaggio sui suoi competitor". Tra i critici dell'accordo ci sono, e non è una sorpresa, Amazon (il cui e-book reader Kindle non è compatibile con la libreria di Google) e Microsoft.