Il Milan vede lo scudetto

Il Milan espugna Brescia (0-1) e,approfittando del ko del Napoli a Palermo, ora si porta a +8 sull'Inter (vincitrice della Lazio) e +9 sui partenopei. Rossoneri con una novità: Gattuso si fa male nel riscaldamento, al suo posto c'è Flamini.
Primo tempo dominato da Milan che sfiora il gol con Flamini, Seedorf, Cassano e Robinho. Ad inizio ripresa clamorose occasioni sciupate, prima da Eder poi da Cassano. Poi sale in cattedra il Brescia (traversa di Bega), ma il Milan si difende con ordine ed all'82' in contropiede va a segno con Robinho.

Il Palermo fa un bel regalo al Milan. Al 'Barbera' la squadra di Mazzarri passa in vantaggio su rigore firmato dall'ex Cavani ma Balzaretti pareggia i conti e Bovo completa la rimonta dal dischetto, con i partenopei che scivolano al terzo posto.

Alle spalle del Milan, c'e' ora l'Inter, che centra una vittoria che sa di impresa contro la Lazio. I nerazzurri, a meta' primo tempo, si trovano in dieci (rosso a Julio Cesar) e sotto di un gol (Zarate dagli 11 metri) ma Sneijder su punizione ed Eto'o ribaltano la situazione e riaprono anche la lotta per il quarto posto. Complice anche la sconfitta interna dell'Udinese col Parma (0-2, decide Amauri). La Roma si riporta a -4 dai cugini e a -3 dai friulani grazie al successo di misura sul Chievo (a segno Perrotta).
All'Olimpico,la Juventus si fa rimontare due gol nel finale dal Catania e dice così praticamente addio alle residue speranze di agguantare il quarto posto. Primo tempo nel segno di Del Piero. Il capitano prima trasforma rigore (19'), poi si fa trovare pronto alla deviazione su cross di Krasic (37'). Etnei pericolosi con Gomez (traversa). Nella ripresa reazione del Catania che nel finale va a segno con Gomez (81') e con una punizione di Lodi (95').

Nella lotta per la salvezza, invece, arriva il primo verdetto: Bari matematicamente in serie B dopo la sconfitta al 'San Nicola' con la Sampdoria (0-1, Pozzi su rigore). I blucerchiati, tra l'altro, agganciano al terz'ultimo posto il Lecce, che per due volte va in vantaggio a Marassi (doppietta Di Michele) e alla fine cede al Genoa 4-2, travolto da Floro Flores e Palacio, autori di due gol a testa. Boccata d'ossigeno per il Cesena, a quota 37 dopo il 2-0 a Bologna firmato da Giaccherini e Malonga, a Cagliari due gol di Cerci regalano alla Fiorentina vittoria e sorpasso in classifica ai danni degli stessi sardi.