Il Milan resta in vetta, follia Ibra

Non c'è che il Milan in vetta, che nel posticipo batte 2-1 la Fiorentina al Franchi.
Napoli (-3) e Inter (-5) tornano 'a distanza'. Show di Seedorf in avvio: bolide respinto da Boruc poi, su assist di Pato, l'olandese (8') segna lo 0-1. A ruota il 'papero' si divora il raddoppio. Per i viola gran destro di Ljajic respinto da Abbiati. Al 41' Boateng crea dalla destra, Pato stavolta non perdona.

Nella ripresa, Ibra spreca l'impossibile, Seedorf abbatte Comotto in area, Morganti dice no. Vargas accorcia (80'), espulso Ibra nel finale.
Il Napoli, seppur privo dello squalificato Cavani, espugna Bologna (2-0, a segno Mascara e Hamsik su rigore) e si porta per qualche ora in testa alla classifica a pari punti col Milan. Sempre piu' accesa la corsa per il quarto posto, dove Lazio e Juventus approfittano del successo della Roma sull'Udinese.

I biancocelesti scavalcano i friulani grazie al 2-0 sul Parma (debutto negativo per Colomba) firmato da Hernanes e Floccari ma i bianconeri continuano a crederci dopo la rocambolesca vittoria sul Genoa. Nell'anticipo delle 12.30, infatti, la squadra di Del Neri va due volte sotto (autorete Bonucci e Floro Flores) ma pareggia prima con Pepe e poi con Matri, trovando infine il gol vittoria con Toni.

Nella corsa a un posto in Europa restano solo i rimpianti a Palermo e Cagliari. Nel giorno del ritorno di Delio Rossi in panchina, i rosanero sprecano contro il Cesena il doppio vantaggio maturato nel primo tempo con Kurtic e Pinilla e nei minuti di recupero subiscono il clamoroso uno-due di Parolo e Giaccherini. Pari anche per il Cagliari, che al "Sant'Elia" viene fermato sull'1-1 dal Brescia, con Caracciolo che risponde al vantaggio siglato da Cossu.

Un pari prezioso per le Rondinelle in una corsa salvezza che resta apertissima. Mentre il Bari spreca contro il Catania forse l'ultima chance per credere ancora al miracolo (pugliesi avanti con Gazzi, pari etneo con Maxi Lopez), il Lecce compie l'impresa raccogliendo tre punti d'oro nello scontro diretto del Marassi. Di Michele e Olivera affossano la Sampdoria e la rete di Maccarone serve poco ai blucerchiati: la situazione si fa pesante per la squadra di Cavasin, quart'ultima a quota 32 assieme al Parma e con un solo punto di vantaggio sul Cesena.